Prodotti
Links

Documenti


Multimedia








sei in: Home / Fico d'India /
Fico d'India

Bastardoni (AGO-OTT)



Il fico d’india: un modo naturale per potenziare la vitalità

Pare che per trovare un cactus non occorra andare nel deserto. Dai supermercati ai negozi alimentari e di prodotti naturali, da un po' di tempo è reperibile una specie di cactus. Raccolto nel deserto occidentale degli Stati uniti e in grandi zone del Messico, sta guadagnando popolarità nella medicina alternativa mondiale un cactus conosciuto come "fico d'India". Questo tipo di Cactus possiede delle foglie carnose piatte e rotonde rivestite da varie spine, e produce sia frutti che fiori. I messicani ne utilizzano le virtù contro i dolori da sempre. Adesso le persone stanno iniziando a fare uso di integratori a base di questa pianta, che contiene flavonoidi in quantità. I flavonoidi sono noti per le loro proprietà antiossidanti e la capacitùà di modificare le reazioni del corpo verso virus e allergie. Da molto studi è emersa, inoltre, la capacità di stimolare l' azione contro gli elementi cancerogeni. Per questo motivo sono chiamati anche "modificatori della risposta biologica della natura". Sono contenuti anche nel tè verde, nel vino rosso, nel cioccolato e in alcuni frutti. Ogni parte del Fico d'india può essere utilizzata. Quei temibili cuscinetti carnosi contengono in realtà moltissime sostanze nutrienti, come il potassio, il calcio, il ferro, il magnesio beta-carotene e la vitamina C. Sostanze simili si trovano in buona quantità anche negli spinaci a foglia grande e verde. Le tribù indiane e messicane usano il cactus per una gran quantità di cibi, dalle zuppe ai formaggi . Può anche essere usato localmente come l'aloe vera per la cura di piccole ferite sulla pelle. Le proprietà antiinfiammatorie sono ottime contro i morsi, eruzioni cutanee e reazioni allergiche.
Alcuni studi hanno dimostrato che il cactus funziona anche per disturbi interni al corpo. Con il proteggere il sistema immunitario e combattendo i radicali liberi nel sistema, questa pianta può potenzialmente rallentare il processo di invecchiamento e supportare le funzioni degli organi al meglio. Oltre a questo, il Fico d'India riduce la pressione del sangue tenendo bassi i livelli di  colesterolo cattivo.
Da quanto si sa di più sul conto di questa pianta, gli atleti si affidano all'estratto per aumentare la loro energia durante l'allenamento ed evitare infortuni e dolori. Oltre ad avere pochi grassi, molte fibre, e in generale molte sostanze nutrienti, il fico d'india è tra le piante più studiate nelle ricerche sull'ipoglicemia. Un articolo pubblicato di recente nel Journal of Ethnopharmacology and Diabetes Care, ha dichiarato che le foglie del cactus hanno dimostrato una certa efficacia contro il diabete di tipo II. Un altro studio realizzato dalla University of Arizona ha condotto dei test sulla pectina della pianta - trovata nel frutto- dimostrando la proprietà di abbassare i livelli di colesterolo LDL e la proprietà di aiutare il corpo a stabilizzare la risposta del glucosio.


  • Ricerca

  • Area utenti
  


CSS Valido! Valid HTML 4.01 Transitional